Consiglio a tutti la lettura di questo ottimo essay, che parla della solita scusa del movimento anti-privacy: Non ho niente da nascondere. Questo essey si potrebbe riassumere dicendo che questa gente parte dal presupposto che privacy significhi nascondere qualcosa. Ma a voi la lettura.